A8

E' un terminale di rilevazione delle presenze completo di lettore mifare, con sistema operativo Linux embedded,. L'identificazione, caratterizzata da parametri FFR e FAR molto bassi, richiede meno di 2 secondi.

iClock360

iClock260 e iClock360 sono dispositivi di rilevazione delle presenze multimediali completi di lettore mifare, capace di registrare fino a 8.000 impronte e 200.000 timbrature. Con display TFT a colori da 3,5" e 65000 colori, sensore biometrico ottico a 500DPI, sistema operativo Linux Embedded, porte di comunicazione RS232/485, RJ45 ed USB, tasti funzione personalizzabili, metodi di identificazione multipli (Impronta, Password e Card), interfaccia grafica ad icone, messaggi vocali e sfondi personalizzabili.

iClock580

  iClock580 è un terminale di rilevazione presenze e controllo accessi multimediale completo di lettore mifare, capace di registrare fino a 8.000 impronte e 200.000 timbrature. Elegante, professionale e semplice da installare, con sensore biometrico ottico a 500DPI, S.O. Linux Embedded, porte RS232/485, RJ45

/en/prodotti/controllo-accessi/cosa-sono-e-a-cosa-servono/110.html /en/prodotti/controllo-accessi/cosa-sono-e-a-cosa-servono/116.html /en/prodotti/controllo-accessi/terminali-biometrici/iclock580.html
Home Prodotti Controllo Accessi Cosa sono e a cosa servono
Cosa sono e a cosa servono PDF Print E-mail
Sistemi di Controllo Accessi
contraccessiNelle aziende e nelle strutture pubbliche e private, così come nella vita di tutti i giorni, cresce continuamente l'esigenza di sicurezza che va garantita e protetta. Un "Sistema di Controllo degli Accessi", rappresenta un valido strumento di garanzia, perchè oltre a gestire automaticamente i flussi di ingresso ed uscita, permette solo agli utenti autorizzati (classificandoli per livelli di autorità, fasce orarie prestabilite e/o numero di passaggi), di accedere in determinate aree o ambienti.
Con la registrazione automatica di tutti i passaggi dal varco, il sistema fornisce un archivio con nome utente, data e ora di accesso, dando la possibilità a chi è preposto al controllo della sicurezza, di verificare non solo i movimenti del personale tramite definiti varchi di accesso, ma anche eventuali tentativi di effrazione.